LA FAMIGLIA

Il termine “famiglia, deriva dal vocabolo “latino”, famulus, con il quale s’intendeva descrivere chi collabora al mantenimento ed alla cura della casa.

La famiglia è un gruppo di persone unito da vincoli affettivi, di parentela, di relazioni, che vivono e condividono la stessa abitazione e collaborano per il sostentamento di ognuno ed alla cura della prole. La famiglia è un microcosmo di responsabilità e di affetti: un sistema che assicura ai suoi elementi, sopravvivenza, protezione, cura, aiuto, appartenenza, sostegno.

La famiglia è tale perché vi sono legami di sangue, è la somma della coppia più i figli. All’interno della famiglia, quando questa è sana e funzionale, i figli hanno modo di sviluppare la propria personalità e realizzare la propria identità.

A livello sociale, nel macrocosmo, secondo le epoche le diverse culture, la famiglia, come idea e costituzione ha cambiato e sta tuttora cambiando significato ed aspetto.

Nel microcosmo, tutte le famiglie sono sottoposte a continue pressioni di cambiamento e difficoltà, che, nella normalità, accettano riorganizzandosi diventando più sagge.

La famiglia sana è, infatti, flessibile, è sempre in movimento perché è un sistema dinamico. Affronta l’esperienza contenuta nei ripetitivi “cicli della famiglia”, elaborati da Jay Haley. Questi cicli sono riti e passaggi che avvengono all’interno dei ritmi familiari nel corso degli anni: la nascita della coppia, la formazione del nuovo nucleo familiare, la nascita di un figlio oppure la difficoltà ad averlo, le diverse tappe che i genitori sono portati ad affrontare attraverso lo sviluppo dei figli, come l’entrata a scuola, l’adolescenza, il “nido vuoto” (quando i figli lasciano la casa genitoriale), la morte dei nonni, il pensionamento e tutti i cambiamenti possibili attraverso i quali la vita ci stimola ad evolvere. La famiglia è quindi un Insieme stabile di persone, di sangue e di affetti, il gruppo sociale in cui siamo nati e cresciuti, formato in genere da genitori, fratelli e sorelle, con i quali ci nutriamo di sentimenti, di emozioni, di cibo. In famiglia, tuttavia, le cose non sono sempre così semplici e lineari.

La famiglia, come insieme di rapporti vincolati, vive nel presente attraverso il suo passato, in una linea temporale che comprende anche i bisnonni, la storia e le emozioni che hanno caratterizzato gli eventi occorsi e che hanno condizionato lo stile familiare, il modo di pensare e di gestire la vita.

Ognuno di noi porta con sé, inconsapevolmente, un’eredità di credenze, regole dette e non dette, un mito familiare, che influenza la nostra possibilità di realizzarci liberamente e pienamente come individui.

Comprendere l’eredità familiare in termini di emozioni, i motivi che conducono noi ed i nostri familiari ad assumere certi comportamenti, consente di riappropriarsi di se stessi e di realizzarsi, come individui completi, in un sistema di affetti.

 

 

 

 

CRISI E SEPARAZIONI: COME LO PSICOLOGO E L’AVVOCATO POSSONO SOSTENERE

I motivi che portano una famiglia e una coppia a separarsi possono essere tanti: la nascita e la crescita di un figlio, la …

Mindfulness: La pace dentro

“Sempre immersi nel rumore della vita non ci fermiamo mai ad ascoltare e ad ascoltarci. Inseguiamo la logica del fare e …

DSA: CONSIGLI UTILI PER I GENITORI

Quale intervento e aiuto possono offrire i genitori ad un figlio con un disturbo specifico di apprendimento (DSA)? Per …